Marketplace cinesi: Pinduoduo vanta gia’ 200 milioni di clienti al mese

Marketplace cinesi crescono: Pinduoduo, uscito negli ultimi 3 anni, e' stato quotato la settimana scorsa alla borsa di New York con IPO fissata a un valore superiore a quello di Alibaba (1.6 miliardi USd).

 

pinduoduo marketplace cinese

 

Pinduoduo e' abbastanza nuovo nel panorama dell'ecommerce cinese con appena 3 anni di vita e vanta gia' 200 milioni di clienti al mese (contro i 500 e passa di Taobao).

Sicuramente non e' al momento una piattaforma ecommerce estremamente popolare in Cina come Taobao, Jd e Tmall ma sta avanzando a grandi passi ed e' assolutamente da considerare per chi vuole fare ecommerce in Cina, per i motivi che diro' fra poco.
Pinduoduo e' interessante perche' e' nato con delle differenze sostanziali rispetto ai marketplace cinesi gia' noti.
I prezzi di acquisto sono infatti determinati dal numero di persone che si aggiungono per lo stesso prodotto. Piu' sono quelli che acquistano e piu' il prezzo si abbassa.
L'internet cinese e' dominato da due giganti al momento: Alibaba, proprietaria tra le tante cose di Taobao, Tmall, e la piattaforma di pagamenti Alipay.
Tengxun (Tencent) e' invece il gruppo proprietario (anche) di QQ e Wechat, i sistemi chat e trasferimenti dati piu' popolari (1 miliardo di utenti solo Wechat).
I due rivali operano in maniera separata e chiusa: su Wechat per esempio non si possono aprire link provenienti da Taobao.
Questo crea un problema di condivisione per esempio tra l'acquisto di un articolo sul popolare marketplace e la maggiore piattaforma chat.
Pinduoduo ha visto chiaramente l'opportunita'. Grazie alla collaborazione con Tencent e quindi Wechat (e conseguente investimento nella start-up) si possono sfruttare tutte le potenzialita' della condivisione.
Chi acquista su Pinduoduo puo' condividerlo su Wechat. Non solo, ancora piu' importante, prima di acquistare un articolo si puo' inviare al proprio gruppo di amici la segnalazione. Piu' si aggregano all'acquisto e piu' il prezzo scende.
Se Taobao e simili funzionano sulla ricerca per prodotto, Pinduoduo visualizza come in un newsfeed continuo l'andamento della formazione di gruppi di acquisto e della variazione di prezzo, invitando ad aggiungersi anche se non si pensava inizialmente di acquistare quel prodotto.
Gli utenti diventano quindi dei promotori agli acquisti, sfruttando la mania per le condivisioni aggiunto ai ribassi che si possono avere.
Su Pinduoduo si vende di tutto e i prezzi degli articoli possono raggiungere in certi casi anche il 90% di sconto.
Per ora il 65% delle persone che acquistano su Pinduoduo sono delle citta' cosiddette di 3za-4ta fascia, con il 70% donne.
Non e' solo questo, la funzionalita' e' piu' agile di quella dei marketplace classici. Visto come sta crescendo la complessita' dei sistemi di caricamento e gestione articoli nei maggiori marketplace, non e' da escludere che una netta semplificazione possa far brillare in poco tempo Pinduoduo.

Perche' Pinduoduo dovrebbe interessare chi vuole fare ecommerce in Cina?

  1. Prima di tutto, perche' su Pinduoduo si vendono anche articoli in cross-border, quindi senza bisogno di fare magazzino in Cina spedendo direttamente al cliente finale.
  2. Secondo, per i numeri di cui sopra e il potenziale della piattaforma. Tencent, il gruppo rivale di Alibaba, in passato aveva tentato di realizzare un marketplace proprio (paipai.com) ma l'operazione naufrago' per vari motivi. Adesso invece supporta Pinduoduo mettendo il campo il proprio prodotto di punta, Wechat e il suo enorme bacino di utenti (1 miliardo). Ci sono quindi numeri e forze per creare un competitor solido ai marketplace di Alibaba.
  3. Essendo nella fase iniziale le condizioni di ingresso sono estremamente favorevoli. Se si pensa che Tmall richiede minimo 30mila Usd di deposito a garanzia e JD.com 15mila, Pingduoduo richiede al massimo 1.500 Euro (millecinquecento!) ma solo nel caso in cui il volume di vendita superi 400mila Euro.
  4. Non ci sono spese di gestione (al contrario di Tmall e JD).
  5. Pingduoduo favorisce al momento l'ingresso di marchi non famosi, per cui visti i costi bassi di ingresso Pingduoduo puo' essere la chiave giusta per fare ecommerce in Cina senza dover investire diverse decine di migliaia di euro inizialmente.
www.pinduoduo.com

Per maggiori informazioni contattaci in ogni momento

 

No Comments Yet.

Leave a comment

You must be Logged in to post a comment.